Vai al contenuto

Da oggi è live la nova sezione del Blog del forum

http://mobilerevolution.it/board/index.php?/blogs/

Chiunque di Voi può darci una mano con recensioni e news. Se siete interessati contattate lo staff

RaimondoMartire RaimondoMartire
In evidenza
  • Il forum senza peli sulla lingua

RaimondoMartire

Fondatore
  • Numero contenuti

    1805
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    9

Tutti i contenuti di RaimondoMartire

  1. Non capita spesso, ma può succedere di dover registrare lo schermo del vostro smartphone. Con Galaxy S10 (e altri modelli precedenti, lo abbiamo testato su Galaxy S9+), in (quasi) tutti gli scenari fortunatamente è possibile farlo senza installare app di terze parti: esiste un semplice trucchetto. Alcuni smartphone Galaxy hanno infatti preinstallata l’applicazione Game Launcher che permette, in app selezionate, di far comparire nella navbar un’icona (Game Tools) tramite la quale accedere a comandi aggiuntivi, tra cui la registrazione dello schermo. Fortunatamente questa funzione è attivabile anche per altre applicazioni. Ecco come fare: Aprire l’applicazione Game Launcher Scegliere “Aggiungi applicazioni” nel menù che si trova in alto a destra (i tre puntini) Selezionare tutte le app desiderate (purtroppo non compaiono quelle preinstallate, come Chrome) e infine premere su “Aggiungi” in alto a destra Aprire l’applicazione che vogliamo registrare Selezionare l’icona di Game Tool presente a sinistra nella navbar Scegliere il comando “Registra” per registrare lo schermo Gli svantaggi di questo metodo sono essenzialmente due: non è possibile applicarlo su tutte le applicazioni preinstallate e, nel caso aveste impostato le gesture di navigazione, andreste a perderle nelle app selezionate in favore dei classici pulsanti nella navbar. Questi svantaggi sono però compensati da una grande personalizzazione della registrazione: si può cambiare la risoluzione, il formato finale e pure se si vole registrare l’audio dal microfono o solamente quello del gioco (oltre a molto altro). LEGGI ANCHE: Gli smartphone Huawei con EMUI 8 e superiori sono protetti da una pericolosa falla del modulo Wi-Fi Il risultato finale si troverà nella Galleria. Come detto inizialmente, anche noi abbiamo testato la funzione su Galaxy S9+ (Android Pie) con successo, dunque anche i modelli precedenti potrebbero vantare questa funzionalità. Nel nostro caso tuttavia abbiamo riscontrato qualche instabilità. Chi di voi la proverà? 4 vai alla fotogallery L'articolo Per registrare lo schermo di S10 (e S9) non servono app di terze parti, basta questo trucchetto (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  2. Xiaomi Mi A2 Lite sarebbe uno smartphone di fascia media come tanti: lanciato la scorsa estate con un SoC Snapdragon 625, 3/4 GB di RAM e una capiente batteria da 4.000 mAh. Ma la cosa che lo ha reso diverso dagli altri e piuttosto attraente per molti è la sua appartenenza al programma Android One. Nonostante sia stato commercializzato con Android Oreo 8.1 infatti ha ricevuto l’aggiornamento ad Android Pie – ancora agognato da molti dispositivi con hardware pari o anche superiore – nel giro di pochissimi mesi. LEGGI ANCHE: AndroidWorld ha compiuto 10 anni Cosa ancora più interessante dal punto di vista del modding è che Mi A2 Lite ha ricevuto anche il supporto ufficiale a TWRP. Da oggi inoltre i possessori di questo smartphone possono provare un paio di custom ROM tra le più popolari: Pixel Experience e Paranoid Android. Entrambe sono state rilasciate e le potete trovare sul forum XDA (cliccando sul relativo link). L'articolo Se avete uno Xiaomi Mi A2 Lite ora potete provare Pixel Experience o Paranoid Android! sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  3. Opera ha annunciato di aver portato la possibilità di usare la sua VPN gratuitamente a tutti gli utenti Android. A partire dalla versione 51, scaricabile dal Play Store usando il badge a fine articolo, la funzionalità arriva anche sui dispositivi mobili equipaggiati con il robottino verde. La novità arriva al termine di una sperimentazione durata diversi anni: inizialmente la VPN infatti è stata a lungo appannaggio della versione desktop per poi approdare alla beta per Android lo scorso mese. LEGGI ANCHE: AndroidWorld compie 10 anni Il servizio offerto da Opera consiste in una connessione criptata a 256-bit che, attraverso il collegamento a server sparsi per il mondo, rende impossibile risalire alla vostra località. Al momento non è chiaro se ci sarà la possibilità di scegliere tra America, Europa, Asia oppure la connessione migliore tra le disponibili, così come abbiamo visto sulla versione beta. In ogni caso Opera promette che non sarà conservato alcun log dell’attività degli utenti, garantendo ancora una volta l’assoluta privacy del servizio. L'articolo Il servizio di VPN gratuita arriva anche sull’app stabile per Android di Opera sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  4. Gli smartphone gaming stanno ancora cercando di prendere definitivamente piede, anche se più o meno sono finora sempre gli stessi brand/modelli a rincorrersi. Tra questi c’è Nubia, con i suoi Red Magic, del quale stiamo aspettando la terza iterazione. Questa sembra sarà particolarmente agguerrita, unendo l’ovvio Snapdragon 855 a ben 12 GB di RAM, un display ad elevato refresh (probabilmente 120 Hz) ed un sistema di raffreddamento che dovrebbe includere anche una ventola. Ed in più, notizia fresca di giornata, la batteria dovrebbe essere da almeno 5.000 mAh, per non mettervi troppa ansia di ricarica addosso. Il lancio dello smartphone dovrebbe avvenire ad aprile, e per il momento quelle riportate restano solo ipotesi, sebbene la fonte sia un dirigente di Nubia stessa, quindi è un po’ come se fosse già ufficiale, almeno in parte. Se poi i gaming-phone abbiano o meno senso, è tutto un altro discorso, che magari affronteremo un’altra volta. L'articolo Nubia Red Magic 3 cala gli assi: Snapdragon 855, 12 GB di RAM, 5.000 mAh di batteria e ventola di raffreddamento! sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  5. Pochi giorni fa vi abbiamo detto che Huawei Mate X è stato certificato in Germania, anticipando (di molti mesi) il suo lancio in Europa, che rimane comunque genericamente previsto per l’autunno 2019. Xiaomi ci tiene ora a mettere i puntini sulle i, ribadendo che il suo Mi MIX 3 5G è il primo al mondo con Snapdragon 855, modem X50 e certificazione 5G europea. Lo smartphone di Xiaomi dovrebbe infatti essere disponibile già da maggio, con un prezzo di partenza anche abbastanza competitivo di 599€ (che per uno smartphone 5G per ora sembrano essere molto pochi). L’italia è nei paesi previsti dal lancio, tanto che dal Mobile World Congress ve l’abbiamo già mostrato in azione su rete TIM, ma non è detto che non ci siano altre partnership in arrivo. LEGGI ANCHE: 5G e pieghevoli: novità rivoluzionarie ed anacronistiche L’era del 5G è insomma alle porte, ma non è detto che la cosa debba emozionarvi particolarmente, a dispetto di quello che diranno OEM ed operatori. L'articolo Xiaomi ci tiene a ribadire che Mi MIX 3 5G arriverà in Europa sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  6. Uno dei punti di forza di Google Stadia è la sua universalità, nel senso che, per come è immaginato il servizio, potrà funzionare senza troppe difficoltà su computer di ogni tipo (laptop, fissi, Chromebook, Macbook e così via), su televisori (con Chromecast e il controller di Stadia), su tablet e, dulcis in fundo, su smartphone. E se proprio su smartphone ci fossero delle limitazioni? Il nostro sospetto nasce da svariati indizi. Partiamo dal sito ufficiale italiano di Stadia, che riporta la dicitura “Gioca su qualsiasi dispositivo, inclusi laptop, computer desktop e telefoni e tablet selezionati.“. Quel “telefoni e tablet selezionati” non suona benissimo. Da una parte potrebbe trattarsi di un requisito hardware minimo, ma considerato che in teoria Stadia non dovrebbe aver bisogno di un hardware così prestante (lato giocatore) Google avrebbe potuto semplicemente specificare dei requisiti (2 GB di RAM, Android 4.4 o superiori e simili, per dire). LEGGI ANCHE: Phil Spencer dice la sua su Google Stadia Durante la presentazione poi il servizio è stato mostrato in azione unicamente sui Pixel 3 di Google. E ha senso, trattandosi di una presentazione di Google, ma durante tutta la presentazione (o quasi, almeno da quanto riusciamo a ricordarci) non è mai stato nominato Android, e quando si è dovuto parlare della compatibilità con smartphone si è sempre fatto cenno ai Pixel. Android non sarebbe l’unico grande escluso: anche iOS, e di conseguenza iPhone e iPad, sarebbero esclusi dai giochi, e non avrebbe senso lasciare fuori una così grande fetta di utenza. A corredo di quanto detto finora, tutte le immagini promozionali e tutti i filmati mostrati da Google ritraevano in azione solo ed unicamente i Pixel 3. Il non nominare Android non è una pratica del tutto nuova da parte di Google. Se vi ricordate già in occasione della presentazione dei Pixel 3 (guarda caso) vi segnalammo che Google non aveva mai nominato il robottino verde durante tutta la durata dell’evento. E nel frattempo Microsoft mostra Project xCloud in azione su un Samsung Galaxy S8. Stiamo viaggiando troppo con l’immaginazione? O Google potrebbe sfruttare Stadia per promuovere in qualche modo la sua linea di smartphone? Ne sapremo di più questa estate, probabilmente in occasione dell’E3 2019. L'articolo Stadia potrebbe funzionare solo sui Pixel di Google sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  7. I teleobiettivi esistono da decenni e non destano certo stupore alcuno, ma quando uno smartphone è in grado di zoomare come mostrato dalle due foto qui sotto, c’è di che emozionarsi. I due scatti dovrebbero infatti provenire dal nuovo zoom 10x di Oppo, che sarà di tipo ibrido, combinando cioè zoom ottico con quello digitale. Il termine stesso di “zoom” è in parte sbagliato quando si parla di smartphone, ma se è il risultato che conta, Oppo è senz’altro pronta a stupire. Ne avevamo già avuto un assaggio, e le foto di quest’oggi non fanno che ribadire quanto sia alta la qualità raggiunta, che promette di essere di tipo lossless, ovvero senza perdita appunto. Aspettiamo ovviamente una prova personale prima di giudicare, ma le premesse sono davvero incoraggianti. Il punto è: sarà davvero utile ed usato uno zoom del genere, o è solo un esercizio di stile? 2 vai alla fotogallery L'articolo Questo zoom 10x ibrido di Oppo è impressionante, se pensate che sono foto scattate da uno smartphone sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  8. Huawei ci tiene a rassicurare i suoi utenti con un dispositivo aggiornato almeno alla EMUI 8 che non hanno nulla da temere dall’ultima falla scovata nel funzionamento del Wi-Fi. A quanto pare infatti è stata scoperta una vulnerabilità che permetterebbe a un malintenzionato di accedere via Wi-Fi a uno smartphone/tablet collegato alla Rete. Sfruttando una specie di sonda in grado di ottenere l’indirizzo Mac, l’IMEI del telefono e altre informazioni per poi simulare di essere l’utente e accedere a tutti i dati contenuti nel sistema. LEGGI ANCHE: AndroidWorld compie 10 anni Ovviamente per essere esposti è necessario attivare il modulo Wi-Fi ed essere connessi a una rete, anche se aperta e gratuita. Per risolvere questa problematica Huawei ha implementato un sistema di generazione di indirizzi Mac casuali nel momento in cui ci si collega a una WLAN. In questo modo il telefono sarebbe protetto da eventuali attacchi: il malintenzionato infatti si ritroverebbe al massimo con un indirizzo Mac fittizio. L'articolo Gli smartphone Huawei con EMUI 8 e superiori sono protetti da una pericolosa falla del modulo Wi-Fi sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  9. Fortunatamente è già stata risolta, ma una falla di sicurezza che ha afflitto Google Foto, potenzialmente dal suo lancio, potrebbe aver esposto la cronologia della posizione degli utenti grazie ad un cosiddetto canale laterale. Ad esporre il problema è stato Ron Masas, esperto di sicurezza informatica presso Imperva. Una persona a conoscenza della falla avrebbe potuto risalire alla posizione, attuale o meno, di un utente semplicemente facendogli aprire una pagina web (da browser con account Google loggato). Semplificando, l’attacco side-channel in questione andava a “chiedere” a Google Foto se l’utente aveva foto realizzate in una certa zona (nazione, città…) e quando queste erano state scattate. LEGGI ANCHE: Sicurezza delle reti e firmware modificati, l’UE è al bivio A quanto pare, una volta capito come, ricavare questo tipo di dati era relativamente semplice anche se non si parla di una vera e propria falla, ma piuttosto un comportamento anomalo del sistema di ricerca su Google Foto. Il tutto è già stato fortunatamente risolto e vista la complessità del meccanismo è improbabile che qualcuno ne abbia approfittato. Tuttavia Ron Masas ci ha tenuto a dire che questo tipo di attacchi sono spesso sottovalutati poiché appunto non riguardano direttamente il codice, ma piuttosto la progettazione di un servizio/prodotto. Meno male ci sono persone come lui che vigilano! L'articolo Google Foto: una falla permetteva di accedere alla posizione dell’utente sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  10. Annunciato circa un mese fa e da noi prontamente provato a Barcellona nel corso del Mobile World Congress, Samsung Galaxy A50 arriva ora in Italia nel listino Amazon, al prezzo di 359,90€. A suo tempo ci eravamo lasciati col prezzo di 349€ valido per l’Europa, ed in fondo 10 euro di rincaro in Italia non sono certo una meraviglia; anzi, sono anche meno di quanto avremmo pensato. C’è da dire però che, nonostante lo smartphone sia venduto e spedito da Amazon, la disponibilità non è ancora effettiva, e indicata genericamente in 1-3 mesi. Non pensiamo certo che ci vorrà così tanto, ma in ogni caso per adesso non potrete averlo in pronta consegna. Qualora le cose dovessero cambiare, ve lo faremo sapere. Ringraziamo Marco per la segnalazione. L'articolo Samsung Galaxy A50 arriva nel listino di Amazon Italia, ad un prezzo lievemente più alto del previsto sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  11. Phil Spencer, il responsabile della divisione Xbox di Microsoft, sostiene già da tempo che il futuro del gaming vada verso lo streaming. Project xCloud ne è la testimonianza concreta, e ovviamente l’annuncio di Google Stadia non poteva passare inosservato. Il concetto alla base è lo stesso di Project xCloud: non dipendere più dalla piattaforma hardware ma dalla velocità della propria connessione e dalla qualità dei server a cui i giocatori si collegano. Ciò nonostante Phil Spencer stesso si direbbe impressionato da alcune caratteristiche di Stadia. LEGGI ANCHE: Google Stadia GPU: quanto costa un PC equivalente in termini di hardware e TFLOPS? Non si è espresso pubblicamente a riguardo, ma in queste ore sarebbe trapelata una nota inviata dallo stesso Spencer probabilmente al team Xbox o a chi in questo momento si sta occupando proprio di xCloud. We just wrapped up watching the Google announcement of Stadia as team here at GDC. Their announcement is validation of the path we embarked on two years ago.. Today we saw a big tech competitor enter the gaming market, and frame the necessary ingredients for success as Content, Community and Cloud. There were no big surprises in their announcement although I was impressed by their leveraging of YouTube, the use of Google Assistant and the new WiFi controller. But I want get back to us, there has been really good work to get us to the position where we are poised to compete for 2 billion gamers across the planet. Google went big today and we have a couple of months until E3 when we will go big. We have to stay agile and continue to build with our customer at the center. We have the content, community, cloud team and strategy, and as I’ve been saying for a while, it’s all about execution. This is even more true today. Energizing times. Phil In sostanza Spencer afferma che l’annuncio di Google non è altro che la conferma che il lavoro degli ultimi due anni (a riguardo di Project xCloud, si intende) serviva proprio ad essere al passo con le esigenze di mercato. Continua dicendosi impressionato dall’integrazione del servizio con YouTube, dall’utilizzo di Google Assistant e anche dal controller Wi-Fi presentato sempre ieri durante la conferenza. “Google went big today and we have a couple of months until E3 when we will go big.“: Spencer continua dicendo che Microsoft ha di fronte a sé altri due mesi prima dell’annuncio “importante” che si terrà in occasione dell’E3 2019. Un E3 a cui probabilmente presenzierà anche Google stessa, e da cui invece risulterà grande assente Sony e la sua divisione PlayStation. L'articolo Phil Spencer dice la sua su Google Stadia ed è impressionato dall’integrazione con YouTube e Assistant sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  12. Nel tentativo di compiacere l’Unione Europea (che proprio oggi ha nuovamente multato Google – ma questa è un’altra storia), Google adotterà una ulteriore misura di trasparenza, per essere sicuro che tutti gli utenti sappiano che Chrome e ricerca Google non solo le sole opzioni disponibili sul loro smartphone Android. Nel prossimo futuro, sia i vecchi che i nuovi utenti Android in Europa, riceveranno un avviso sul loro telefono per chiedergli quale browser e quale app di ricerca predefinita vorrebbero usare. Sia chiaro che è sempre stato possibile installare qualsiasi app alternativa, infatti Google sottolinea che in media il “tipico utent Android installa circa 50 app addizionali sul proprio smartphone”, oltre a quelle preinstallate. In questo modo sarà solo più evidente per tutti che è possibile farlo, anche per i meno esperti. (Ammesso che leggano davvero i messaggi di avviso e non clicchino compulsivamente su “ok” – ma anche questa è un’altra storia.) L'articolo Non preoccupatevi se il vostro smartphone vi chiederà quale browser e quale app di ricerca usare sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  13. Buonissime notizie per gli utenti di Galaxy A8 (2018) versione no brand: Samsung ha rilasciato un aggiornamento che porta le patch di sicurezza a marzo, ma soprattutto l’upgrade ad Android Pie con ONE UI. La nuova versione era in realtà già prevista dal piano comunicato tempo fa, ma era programmata ad aprile. Il firmware può essere identificato dai codici A530FXXU4CSC6 / A530FOXM4CSC6 / A530FXXU4CSC6 e pesa circa 1,4 GB. LEGGI ANCHE: AndroidWorld compie 10 anni In queste ore si sta anche diffondendo un aggiornamento per il più vetusto Galaxy S7 Edge (no brand) che però in questo caso comporta solo le patch del 1 marzo. La versione è riconoscibile dagli identificativi G935FXXS4ESC1 / G935FITV4ERKF / G935FXXU4ESAE e pesa circa 46 MB. Ringraziamo Nazzareno ed Enzo per la segnalazione. 2 vai alla fotogallery L'articolo Samsung Galaxy A8 (2018) riceve Android Pie insieme alla patch di marzo (che arriva anche su Galaxy S7 Edge) (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  14. Risveglio floreale questa mattina, per festeggiare l’equinozio di primavera, che ricorre proprio in questi giorni. La particolarità è che il doodle che ne festeggiava la ricorrenza l’abbiamo visto sulla barra di ricerca Google, laddove non era mai apparso prima. C’è da dire che lo smartphone in questione è un Pixel 3 con la beta dell’app di Google e la developer preview di Android Q installata, quindi non proprio il più comune dei telefoni, ma l’abbiamo verificato anche su altri modello, con Android Pie e senza beta dell’app Google. Non è però una cosa uniforme. Potete provare a vedere nelle impostazioni dell’app Google se doveste avere una voce relativa agli “effetti nella casella di ricerca“, che potrebbe essere la chiave per sbloccare questa funzione. Segnaliamo anche che il doodle è presente anche in Discover, sebbene fosse già stato avvistato più volte in quella posizione, ed in questo caso non è animato. https://www.androidworld.it/wp-content/uploads/2019/03/screen-20190320-091459.mp4 L'articolo I doodle arrivano nella barra di ricerca Google su Android (video) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  15. Ultime ore per il volantino “Sconti batticuore” in scadenza domani ma non temete, online infatti è già arrivato il nuovo flyer della catena. Riportata da riprovaci.it, la campagna “Una nuova stagione di sconti” sponsorizza la più classica delle formule. Dal 22 marzo al 4 aprile la catena di elettronica offrirà una nuova selezione di prodotti in sconto, con anche la possibilità di pagare con il finanziamento tasso zero. Tra l’altro sul volantino c’è spazio anche per qualche dispositivo inedito. LEGGI ANCHE: Offerte Amazon, ogni giorno quelle da non perdere Xiaomi Mi 9 e Redmi Note 7 infatti spiccano tra i tanti altri smartphone, TV, console, dispositivi Apple e non solo. Qua sotto vi riportiamo un estratto del volantino in questione; altre pagine vi aspettano alla fonte mentre per avere il flyer completo si dovrà aspettare la partenza della promozione. Volantino Unieuro “Nuova stagione di sconti” 22 marzo – 4 aprile 2019 3 vai alla fotogallery L'articolo Volantino Unieuro “Nuova stagione di sconti” 22 mar – 4 apr: arrivano i nuovi Xiaomi, e sconti su TV, smartphone, notebook e console (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  16. Torniamo a parlare del prossimo device che Motorola presenterà tra le sue fasce più alte, il Moto Z4 del quale abbiamo già parlato alla fine dello scorso anno. Ora siamo in grado di mostrarvi il dispositivo, grazie ai suoi presunti render ufficiali trapelati online. Potete osservare il look di Motorola Moto Z4 attraverso le immagini riportate in galleria: anteriormente vediamo un display con il famoso notch a goccia centrale e bordi molto contenuti, sia lateralmente che inferiormente. Sul retro scorgiamo la particolare scelta di integrare un unico sensore, che si presume sia da 48 MP, con flash LED. Sotto la fotocamera vediamo il già conosciuto alloggiamento per i Moto Mods, i quali dovrebbero garantire anche il supporto al 5G. LEGGI ANCHE: Sony Xperia 10 Plus, la recensione Rimanendo concentrati sul retro del dispositivo ci accorgiamo della mancanza del sensore d’impronte digitali, il che ci porta a presumere che verrà integrato direttamente sotto al display. Stando a quanto appreso in precedenza, Moto Z4 dovrebbe presentarsi con un SoC Snapdragon 855 e non dovrebbe rinunciare nemmeno al jack per le cuffie. Sempre in casa Motorola sono emersi alcuni dettagli su Motorola P40, altro smartphone in fase di sviluppo per la casa alata. Stando alle ultime informazioni trapelate dall’agenzia delle telecomunicazioni brasiliana, il dispositivo dovrebbe integrare una batteria con una capacità di 3.290 mAh (immagine in galleria). Il documento non suggerisce ulteriori dettagli sulle altre specifiche tecniche. 2 vai alla fotogallery L'articolo Moto Z4 esce allo scoperto e si mostra nei render ufficiali: Snapdragon 855 e 5G grazie a Moto Mods (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  17. Vodafone ha comunicato una notizia che non renderà felici i suoi clienti, in particolare coloro che hanno attiva una SIM col piano dati denominato Internet Abbonamento. Per questi clienti è prevista una rimodulazione che avrà effetto dal prossimo 14 luglio. Come già anticipato la rimodulazione investirà esclusivamente i clienti che hanno attiva una SIM dati a consumo, il cui costo passerà a 5€ al mese dopo il prossimo 14 luglio. Il costo attuale dell’abbonamento è di 0€. Vodafone ha motivato la scelta con l’intento di migliorare la qualità dei servizi offerti e continuare a investire nelle infrastrutture di rete. LEGGI ANCHE: le migliori offerte telefoniche Come sempre accade in questi casi, i clienti che saranno investiti dalla rimodulazione hanno la facoltà di recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza costi entro l’entrata in vigore della rimodulazione stessa, ovvero entro il prossimo 13 luglio. L'articolo Nuova rimodulazione Vodafone in vista: il piano Internet Abbonamento costerà 5€ al mese sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  18. Continuano i festeggiamenti per l’anniversario di GearBest, ovviamente con nuove offerte che si aggiungono a quelle che vi abbiamo segnalato ieri. La formula anche oggi è la stessa: un bel po’ di scelta tra gadget tech e nerd a buon prezzo. LEGGI ANCHE: Come usare i codici sconto su GearBest Quelli da non perdere li trovate qua sotto, tutti in spedizione dalla Cina, fatto salvo per quei prodotti per cui è possibile selezionare “Fast” (magazzino Europa) dalla loro pagina. var noskim = ‘true’; Xiaomi mijia 3.5K Panorama Offerta lampo. 50 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Beelink GT1 – 3GB DDR4 + 32GB Offerta lampo. 100 pezzi. Magazzino Europa. Dallo store italiano di GearBest. Beelink GT1 Con il coupon GBCNGT1-A. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. YEELIGHT YLDP06YL | Lampadina smart RGB E27 800 lumen Offerta lampo. 1000 pezzi. Magazzino Europa. Dallo store italiano di GearBest. Yeelight Candela Offerta lampo. 285 pezzi. Magazzino Europa. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mijia Philips Eyecare Smart Table Lamp 2 | Presa EU Offerta lampo. 175 pezzi. Magazzino Europa. Dallo store italiano di GearBest. Yeelight Interruttore Smart Con Dimmer Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mija | Anti-zanzare Offerta lampo. 200 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Yeelight Base di ricarica wireless con luce notturna Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mijia | Cam sorveglianza 1080p Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi TS | Occhiali per uso PC Offerta lampo. 200 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi MITU WiFi FPV 720p | Mini drone Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. DJI MAVIC 2 Pro Con il coupon GBDJIPRO5. 50 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Teclast Master T10 Tablet PC Fingerprint Sensor Offerta lampo. 200 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mi A2 | 6+64 GB Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mi 8 Lite | 4+64GB Blu Global Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Mi 8 Lite | 6+128 GB Nero Internazionale Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. Xiaomi Redmi Note 7 | Global 4+128 GB Offerta lampo. 100 pezzi. Dallo store italiano di GearBest. L'articolo Xiaomi Redmi Note 7 128 GB, Mi 8 Lite a 178€, Yeelight a buon prezzo e non solo sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  19. PosteMobile riproporrà in questi giorni una delle opzioni più interessanti utilizzabili dai suoi clienti per ottenere vantaggi sulle tariffe. Stiamo parlando della promozione Porta un Amico, che sarà valida fino al 31 marzo 2019 per tutti i nuovi clienti. Grazie a questa promo è possibile raddoppiare i giga offerti dalla tariffa Creami Extra 30 Giga, portandoli dai 30 GB standard fino a 60 GB al mese, ma per farlo bisogna seguire una procedura precisa. Tutti i nuovi clienti che attivano un SIM PosteMobile entro il 31 marzo 2019 riceveranno un codice promozionele dedicato alla promo Porta un Amico. Se si utilizza questo codice per attivare una seconda SIM entro il 7 aprile 2019, su entrambe le SIM sarà attivato il piano Creami Extra 30 Giga con il raddoppio dei giga, dunque entrambi gli utenti avranno a disposizione minuti ed SMS illimitati e 60 GB di traffico dati al mese. LEGGI ANCHE: Gli italiani amano Iliad Per maggiori informazioni sulla promozione Porta un Amico e sulle altre tariffe a marchio PosteMobile, vi consigliamo di rivolgervi ad un ufficio postale o di leggere il sito ufficiale disponibile a questo indirizzo. L'articolo PosteMobile raddoppia i giga grazie al rilancio della promo Porta un Amico sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  20. Tutti i riflettori sono puntati su Google Stadia, il nuovo servizio di gaming in streaming (e non solo) svelato ieri sera sul palco della GDC. Specialmente in Italia se ne discute con un certo fervore non tanto per la qualità del servizio, ma per i requisiti di rete necessari a riprodurre “correttamente” un gioco in streaming. Già sapevamo che per la riproduzione di contenuti in full HD (1.920 x 1.080) a 60 fps Google Stadia, al tempo Project Stream, richiede una connessione a 25 Mbps. Si tratta della velocità minima, ma, come dichiarato dal vicepresidente di Google ai microfoni di Kotaku, il servizio potrebbe funzionare anche con reti leggermente più lente. Per garantire il corretto funzionamento è stato comunque fissato il medesimo limite annunciato in passato da Google stessa. Gli sviluppatori hanno comunque a disposizione una modalità che simula una connessione a 15 Mbps: in tal caso la grafica passa da 1080p a 720p, ovvero la risoluzione dello streaming di PlayStation Now. LEGGI ANCHE: Perché Google Stadia rivoluzionerà il mondo del gaming Si è parlato anche della riproduzione di giochi in 4K. Sempre ai microfoni di Kotaku il VP ha dichiarato che ci sarà bisogno di una velocità minima di 30 Mbps. Minima appunto, ed è molto probabile che una rete simile non riesca a sopportare un flusso in 4K a 60 fps. Considerate che i test di Stadia sono stati effettuati su connessioni a 200 Mbps, e non molte abitazioni italiane possono dire di raggiungere una tale velocità in download. A proposito della situazione italiana, da quanto diffuso da Sony alla presentazione di PlayStation Now al momento 3 famiglie italiane su 4 hanno accesso a connessioni internet ad alta velocità (non necessariamente fibra), mentre la velocità media è pari a 14,1 Mbps. Considerate comunque che in futuro il 5G, più volte visto in azione proprio con lo streaming di videogiochi durante il MWC, potrebbe aiutare ulteriormente servizi come Stadia sia in mobilità che nelle abitazioni. L'articolo Google Stadia: qual è la velocità minima di connessione per giocare a 1080p o in 4K sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  21. PUBG Mobile si rinnova nuovamente grazie all’avvio della Stagione 6. Il nuovo aggiornamento del Battle Royale per dispositivi mobili prodotto da Tencent porta parecchie novità per armi e mappe, ma soprattutto aggiunge anche un piccolo elemento per festeggiare il primo anniversario del gioco. Nella nuova versione 0.11.5 sono state aumentate le ricompense per il Royale Pass, è stato aggiunto il fucile G36C sulla mappa Vikendi e ci sono diverse ottimizzazioni per i veicoli. Inoltre, su Spawn Island sono presenti fuochi d’artificio e altri segni di festeggiamento per il compleanno di PUBG, che regalerà agli utenti una ricompensa speciale per l’occasione. LEGGI ANCHE: Annunciato Call of Duty Mobile Per maggiori informazioni su questo aggiornamento per PUBG Mobile, potete dare un’occhiata al changelog completo proposto qui in basso. Changelog completo PUBG Mobile 0.11.5 Royale Pass: Players can now view RP rankings of the entire region and your friends directly from the royale pass page. Elite Pass Plus purchase now has additional rewards besides instantly gaining 25 ranks. Weekly challenges now award more points. Point rewards can now be collected with just tap. Anniversary: Birthday parties on Spawn Island! Light fireworks and collect crates during matches. Open the collected crates after the match to get anniversary rewards. Find randomly spawned birthday cakes in matches for a surprise! General: Dynamic weather added to Erangel and Miramar. Added a new weapon: G36C rifle (Vikendi only). Fires 5.56mm rounds and can be equipped with stocks, replaces SCAR-L in Vikendi. -Added a new Sanhok exclusive vehicle Tukshai a three-wheeled bus. This will replace the Jeep,Dacia and Mini Bus Subscriptions will be available in early April . There are two plans : Prime and Prime Plus. Both plans come with free daily UC, Royale Pass points, daily 80% discount on Crates,purchasing from the shop with BP and more.Benefits from both plans are stackable. When players don’t win items above a certain quality many times in a row at the Shop,they will earn vouchers instead.Relevant titles and achievements relating to bad luck have been added. “Room Card: 1-Use” in Clan Shop has been adjusted to 1 purchase every 10 days. Added a robot avatar to the Clan system. L'articolo PUBG Mobile festeggia il suo compleanno con un nuovo aggiornamento: è iniziata la Stagione 6 sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  22. Samsung Galaxy A40 è ormai vicinissimo alla presentazione ufficiale. Le informazioni complete sulla scheda tecnica e sul prezzo di listino sono già comparse su alcuni store online in Europa, dunque ci aspettiamo che Samsung possa annunciare a brevissimo il resto dei dati ancora mancanti sul suo nuovo smartphone di fascia medio-bassa. Samsung Galaxy A40: Caratteristiche tecniche Schermo: 5,9″ Infinity-U Super AMOLED Full HD+ (1.080 x 2.340 pixel) CPU: Samsung Exynos 7904 (octa-core fino a 1,8 GHz) RAM: 4 GB Memoria interna: 64 GB (espandibile con microSD fino a 512 GB) Fotocamera posteriore: Dual-cam da 16 MP (f/1.7) + 5 MP (f/2.2 ultra-wide 123°) con flash Fotocamera frontale: 25 MP (f/2.0) Connettività: Dual SIM, 4G VoLTE, WiFi 802.11 ac (dual-band), Bluetooth 5.0, GPS/GLONASS, NFC, USB Type-C, Jack cuffie Batteria: 3.100 mAh con ricarica rapida Dimensioni: 144,3 x 69,1 x 7,9 mm Peso: 140 g OS: Android 9.0 Pie con interfaccia Samsung One UI Altro: Sensori prossimità, luminosità, accelerometro, lettore d’impronte Colori: nero, bianco, blu, corallo (arancione) Il nuovo modello ha nome in codice SM-A405F e, secondo quanto emerso sinora, ha tutto quello che serve per essere uno dei protagonisti della fascia medio-bassa. La parte frontale colpisce per il design borderless ben ottimizzato, grazie al display Infinity-U con il piccolo notch a goccia sulla parte alta, che racchiude la fotocamera frontale da 25 MP. Il retro è provvisto di un rivestimento in materiale 3D Glasstic e mostra la dual-cam da 16 MP + 5 MP con ottica ultra-wide e il lettore impronte di forma leggermente ovale. Discreto il comparto hardware, che conta sul processore Exynos 7904, su 4 GB di RAM e 64 GB di memoria espandibile. Da sottolineare il supporto al Bluetooth 5.0, alla connettività NFC e alla ricarica rapida per la batteria da 3.100 mAh. Non manca il jack audio da 3,5 mm nella parte bassa. LEGGI ANCHE: Recensione Samsung Galaxy S10e Uscita e prezzo Samsung Galaxy A40 non è stato ancora annunciato ufficialmente, ma il suo lancio potrebbe avvenire nei prossimi giorni. La data più probabile sembra essere il 26 marzo, come si può leggere sullo schermo di alcuni render che trovate di seguito. Il prezzo di listino in Europa dovrebbe essere di circa 259€, o almeno sono queste le cifre avvistate sugli store che già hanno messo il vendita il nuovo modello Samsung in Francia e Paesi bassi. In attesa di tutte le conferme del caso, trovate qui in basso una ricca galleria con tutte le immagini del nuovo Samsung Galaxy A40 e delle sue colorazioni. Samsung Galaxy A40 – Render 11 vai alla fotogallery Samsung Galaxy A40 – Specifiche tecniche 2 vai alla fotogallery L'articolo Samsung Galaxy A40 “quasi” ufficiale: un coloratissimo medio gamma con Infinity-U (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  23. Le tempistiche non sono perfette, ma la notizia è comunque positiva. Samsung Galaxy A5 (2017) sta iniziando a ricevere in alcuni Paesi europei le patch di sicurezza aggiornate al 1° febbraio 2019, vale a dire quelle dello scorso mese. Questo per merito del nuovo firmware con codice A520FXXU8CSB4, che ha un peso di 199,18 MB ed è dunque un minor update senza grosse novità, se non appunto le “nuove” patch di sicurezza. LEGGI ANCHE: Uno sguardo al prossimo Galaxy A40 Al momento non abbiamo conferme dirette di un eventuale arrivo in Italia per questo aggiornamento, anche se è possibile che sia già disponibile per alcuni utenti. Se avete un Galaxy A5 (2017) ed avete ricevuto la notifica di arrivo del nuovo firmware, segnalatecelo nei commenti o nella nostra sezione apposita. 1 vai alla fotogallery L'articolo Samsung porta le “nuove” patch di febbraio su Galaxy A5 (2017) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  24. Nell’ambito delle sue pulizie di primavera 2019, delle quali vi abbiamo già parlato, Google calerà la propria ascia su diversi celebri servizi, tra i quali Inbox e Google+ Il primo doveva chiudere genericamente a “fine marzo”, ed in base ad una notifica che stanno ricevendo gli utenti dell’app, pare che la data scelta per la chiusura sia in effetti il 1° aprile. E no, non è uno scherzo. Per quanto riguarda Google+ invece, la chiusura è prevista per il giorno seguente, ma in base ad una email che Google sta inviando agli iscritti, il download dei contenuti Google+ potrebbe richiedere del tempo, ed il consiglio è quello di iniziare prima del 31 marzo 2019. Avete insomma una decina di giorni di tempo per dire addio ai due servizi, prima che se ne vadano per sempre. Gmail sostituisce idealmente Inbox, anche se non tutte le funzioni di quest’ultimo sono arrivate sul primo, mentre Google+ sarà probabilmente compianto da molti meno utenti, considerando che i social network alternativi di certo non mancano. L'articolo Ecco quando chiuderà ufficialmente Inbox e quanto tempo avete per salvare i dati di Google+ sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  25. Xiaomi Mi A1 ha già ricevuto l’update ufficiale ad Android Pie, ma se siete di quelli smanettoni che cercano sempre nuove funzioni, sappiate che adesso queso smartphone è supportato anche dalla LineageOS 16, basata su Android Pie. Per i pochi che non conoscessero LineageOS, si tratta della diretta evoluzione della cara, vecchia CyanogenMod ed è attualmente una delle ROM più supportate e seguite del panorama modding. LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Band 4 arriverà entro il 2019 Ovviamente, per installare LineageOS 16 è necessario sbloccare il bootloader, installare la recovery TWRP e flashare il pacchetto e le relative GApps. Per maggiori informazioni, vi rimandiamo all’apposita sezione di XDA-Developers. L'articolo Xiaomi Mi A1 riceve il supporto per LineageOS 16, basata su Android Pie sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
×
×
  • Crea Nuovo...