Vai al contenuto

Da oggi è live la nova sezione del Blog del forum

http://mobilerevolution.it/board/index.php?/blogs/

Chiunque di Voi può darci una mano con recensioni e news. Se siete interessati contattate lo staff

RaimondoMartire RaimondoMartire
In evidenza
  • Il forum senza peli sulla lingua

RaimondoMartire

Fondatore
  • Numero contenuti

    1769
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Giorni Vinti

    9

L'ultima giornata che RaimondoMartire ha vinto risale al 10 Febbraio

RaimondoMartire ha ottenuto più reazioni positive in un giorno nei suoi contenuti!

Reputazione Comunità

349 Eccellente

3 Seguaci

Su RaimondoMartire

  • Rango
    UTENTE PLATINO

Visite recenti

441 visite nel profilo
  1. I nuovi top di gamma Samsung sono stati presentati ed entrati in commercio da pochissimo ma la community appassionata di modding si è messa già a lavoro su questi dispositivi. Sembra che già sia possibile ottenere i permessi di root su Galaxy S10+ usando Magisk, e questo si rifletterà positivamente anche su Galaxy S10 ed S10e. Stiamo parlando della variante che integra SoC Exynos, ovvero quella commercializzata in Europa. Lo sviluppatore di XDA topjohnwu, nonché creatore di Magisk, è riuscito ad ottenere l’accesso root sul dispositivo mediante Magisk, attraverso una procedura più complicata del solito che prevede la modifica delle partizioni system e vendor. Per rendere la procedura fruibile al grande pubblico sta lavorando ad una sua semplificazione. LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S10+, la recensione Stando ai suoi ultimi aggiornamenti, sembra che la procedura finale sia in corso di rilascio. Pertanto ci aspettiamo che una versione di Magisk compatibile venga rilasciata presto. Vi aggiorneremo appena ci saranno ulteriori sviluppi. Welcome to the game, S10 pic.twitter.com/K2kciv9MPg — John Wu (@topjohnwu) March 19, 2019 L'articolo Il root di Samsung Galaxy S10+ è possibile con Magisk: vicinissimo il rilascio della versione compatibile (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  2. Gli ultimi dispositivi presentati da Sony sono caratterizzati da un rapporto di forma inedito, il 21:9 più allungato rispetto al 18:9 che ha avuto successo dallo scorso anno. La casa nipponica sembra convinta dalla soluzione, al punto da adottarla anche per la sua gamma Compact. Il prossimo device Compact di Sony potrebbe essere quello che in rete è trapelato come Sony Xperia 4, del quale possiamo vedere un confronto dimensionale con i precedenti Compact in galleria: sostanzialmente Xperia 4 manterrebbe la stessa larghezza dei modelli precedenti e presenterebbe una lunghezza più pronunciata per sposare il nuovo formato 21:9. Questo nuovo modello dovrebbe essere più sottile di XZ2 Compact ma non presenterebbe il jack per le cuffie. LEGGI ANCHE: Sony Xperia 10 Plus, la recensione Oltre alle dimensioni, le indiscrezioni trapelate online gli attribuiscono un SoC Snapdragon 710. Chiaramente ancora non siamo sicuri che Sony tornerà a credere nella gamma Compact per il mercato globale. Vi aggiorneremo appena emergeranno ulteriori dettagli. 1 vai alla fotogallery L'articolo Sony adotterebbe il formato 21:9 anche per la sua gamma Compact: Xperia 4 sarebbe il prossimo (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  3. Samsung ha rilasciato un aggiornamento per la sua app Samsung Music caratterizzato dalla rivoluzione dell’interfaccia grafica dell’app, la quale diventa pienamente coerente con il design della nuova One UI introdotta da Samsung con Android Pie. Nella galleria in basso potete avere un’anteprima della nuova interfaccia di Samsung Music: possiamo osservare anche il supporto alla modalità notturna di Android Pie, e la completa coerenza con le linee guida della One UI presentata da Samsung sui device aggiornati all’ultima versione stabile del robottino verde. Dal punto di vista delle funzionalità non sembrano esserci particolari novità. LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S10e, la recensione L’aggiornamento dell’app è in fase di distribuzione automatica attraverso il Galaxy Store. Se non volete aspettare, vi conviene scaricare ed installare manualmente l’apk da questo indirizzo. 3 vai alla fotogallery L'articolo Samsung Music si aggiorna e sposa totalmente il nuovo design One UI (foto e download apk) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  4. Poweramp, uno dei più popolari player musicali di terze parti disponibile anche per la piattaforma Android, ha ricevuto un nuovo aggiornamento caratterizzato dall’introduzione del supporto a Chromecast. L’aggiornamento fa riferimento alla build 3.821, eccovi il changelog completo: Supporto a Chromecast. Supporto ai comandi di Assistant per Chromecast. Introduzione del pulsante Chromecast configurabile. Diminuzione dei gap. Canali di streaming 16/24bit, 48/96kHz. Supporto all’equalizzatore dei toni. Introduzione di informazioni sui metadata aggiuntive. Nuova opzione per ignorare le informazioni della traccia video. Nuove informazioni sulle playlist e le tracce audio. Bugfix e miglioramenti alla stabilità generale. LEGGI ANCHE: Huawei P30 Pro è disponibile su Amazon L’aggiornamento dovrebbe essere in fase di distribuzione automatica attraverso il Play Store, qui in basso vi lasciamo il badge di download e, se preferite non aspettare, il link per scaricare ed installare manualmente l’ultima versione rilasciata. Poweramp Music Player v3-build-821-play | Download APKMirror L'articolo Poweramp si aggiorna: arriva il supporto a Chromecast e piccoli miglioramenti (download apk) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  5. Non sappiamo ancora se si tratti di un errore o di un accordo promozionale (noi propendiamo per il primo). Huawei P30 Pro, che verrà svelato ufficialmente alla stampa solo la prossima settimana è disponibile all’acquisto su Amazon a 1024€ in preordine con spedizione a partire dal 5 aprile 2019 e con la garanzia del miglior prezzo di Amazon. I più folli di voi potranno già piazzare il loro ordine se vogliono essere sicuri di averlo al giorno del lancio, con la certezza comunque di pagare il prezzo più basso che Amazon proporrà quel giorno per questo P30 Pro. Considerando i prezzi che abbiamo riportato stamattina, il prezzo della versione da 128 GB potrebbe in teoria essere più basso di quello che troviamo in questo momento su Amazon.it. Incolliamo qua sotto le specifiche tecniche riportate da Amazon sulla sua scheda tecnica: Smartphone con adattatore micro USB a USB di tipo C; fotocamera Leica quadrupla con zoom ibrido 10x e grandangolo Fotocamera Leica a 4 ingressi, 40 MP con Super Sensor, 20 MP + 8 MP + TOF + 10 X Hybrid Zoom, fotocamera frontale da 32 MP. Kirin 980 processore Octa Core; Android 9.0, EMUI 9.1. Batteria ai polimeri di litio da 4200 mAh; 8 GB RAM + 128 GB ROM, espandibile con scheda Nano SD. Contenuto della confezione: HUAWEI P30 Pro, batteria (fissa), auricolare di tipo C, caricabatterie ad alta corrente, cavo USB di tipo C, utensile SIM, istruzioni di avvio rapido, scheda di garanzia, adattatore micro USB a USB di tipo C. Molto bella la colorazione Amber proposta sul sito e “curioso” il bundle esclusivo Amazon che include anche un adattatore microUSB/USB-C. A seguire alcune foto dall’inserzione di Amazon di Huawei P30 Pro. 6 vai alla fotogallery L'articolo Huawei P30 Pro su Amazon a 1024€ sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  6. Dopo che Microsoft ha annunciato la nuova grafica per le icone di Office lo scorso novembre, ha anche annunciato che avrebbe portato per uniformità il design sui suoi altri prodotti. Ora sembra che la prossima ad essere investita dal rinnovamento potrebbe essere proprio la tastiera SwiftKey. La nuova icona – che potete vedere nella galleria a fine articolo – appare effettivamente più moderna, minimalista e in linea con le altre della suite Office. A quanto pare però Microsoft non deve essere ancora sicura al 100% sulla direzione da intraprendere visto che sta testando almeno un paio di varianti. LEGGI ANCHE: AndroidWorld compie 10 anni La prima mantiene il gradiente blu/verde tipico dell’app, mentre la seconda opta per un deciso blu uniforme. Che vediate una di queste o quella tradizionale sul Play Store il risultato sul vostro dispositivo però non sarà diverso. Almeno per il momento. 2 vai alla fotogallery L'articolo Microsoft sta modificando anche l’icona di SwiftKey (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  7. Xiaomi Corporation ha annunciato la chiusura del bilancio del 2018, un anno che se non è stato da record ha comunque fatto segnare risultati incredibili. Il gruppo, che come Samsung non opera solo nel settore degli smartphone ma anche in quello degli elettrodomestici smart e connessi alla piattaforma IoT, ha incassato 174,9 miliardi di yuan (22,95 miliardi di euro) con un aumento del 52,6% rispetto allo scorso anno. In questa cifra gli affari internazionali sono cresciuti ancora di più: +118,1% e sono arrivati a rappresentare il 40% del business. Allo stesso modo marcia il profitto lordo che riporta 22,191 miliardi di yuan (2,91 miliardi di euro) con un notevole aumento del 46,4% rispetto al 2017. Il profitto netto è stato di 13,48 miliardi di yuan (1,77 miliardi di euro). Insomma un anno entusiasmante che ha visto l’ingresso nel settore degli elettrodomestici e l’accelerazione nell’apertura di nuovi Mi store in tutto il mondo (Italia compresa). LEGGI ANCHE: AndroidWorld compie 10 anni Gli smartphone continuano ad andare forte (+29,8% in termini di unità e + 41,3% gli incassi) nonostante il ritmo al ribasso del mercato (-4,1% a livello globale). In particolare la crescita in Europa Occidentale è stata clamorosa: +415,2% che vale un quarto gradino del podio. Anche in India – una delle piazze più importanti – l’azienda si è confermata la prima per vendite per il sesto trimestre consecutivo. Allo stesso modo le smart TV hanno fatto registrare un bel +225,5% mentre l’IoT ha raggiunto quota 150,9 milioni di unità (+193,2%). E il futuro? Il fondatore e CEO punta a una strategia diversificata per aggredire il mercato da diversi punti. Prima di tutto c’è il nuovo marchio Redmi, da poco indipendente, poi anche Black Shark, Meitu e POCO. Poi continua l’investimento sui negozi e sull’infrastruttura per l’IoT che, grazie all’arrivo del 5G, dovrebbe portare a una convergenza con gli smartphone verso un modello “AIoT”, una scommessa da 10 miliardi di yuan (1,31 miliardi di euro) nei prossimi 5 anni. L'articolo Xiaomi chiude il 2018 col botto: +52% di incassi e vendite di smartphone quintuplicate in Europa sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  8. Google Stadia: è questo il nome ufficiale del servizio di gaming in streaming presentato oggi da Google sul palco del GDC (Game Developer Conference). Ma forse definirlo solo servizio di gaming in streaming è riduttivo. Big G. lo ha realizzato per essere un ecosistema per tutti, per chi vuole vedere i videogiochi, per chi vuole giocare ai videogiochi e persino per chi li vuole sviluppare. Una vera e propria rivoluzione insomma, almeno sulla carta. LEGGI ANCHE: Pubblicato il programma generale del Google I/O 2019 Project Stream era quindi solo la punta dell’iceberg, una punta che comunque permetteva streaming di giochi tripla A quali l’ultimo Assassin’s Creed a 1080p e 60 fps. E proprio il CEO di Ubisoft era presente alla presentazione di Stadia vista la preziosa collaborazione del publisher francese nel nuovo progetto di casa Google. L’obiettivo di Google è quello di rendere il gaming accessibile a tutti, di utilizzare Chrome, una piattaforma capace non solo di permettere la navigazione ma anche l’utilizzo di web-app, per consentire l’accesso a quanti più giocatori possibili. Uno dei punti di forza del servizio è l’Instant Access. Immaginate di guardare un video gameplay su YouTube e di veder comparire il pulsante Play. Premendo sul pulsante nell’arco di 5 secondi sarete proiettati all’interno del videogioco. Straordinario, no? E Stadia non è una console, non è una piattaforma hardware, è un qualcosa di accessibile appunto da qualsiasi dispositivo. C’è comunque una periferica hardware: un controller dedicato proprio a Stadia che, tra le sue particolarità, ha un pulsante dedicato per effettuare lo streaming su YouTube di quello che si sta giocando. C’è anche un pulsante per accedere ad un assistente vocale (c’è un microfono sul controller) che fornisce informazioni extra sul videogioco che si sta affrontando. Tutto ciò è reso possibile dai data center di Google sparsi in tutto il mondo. A detta dei responsabili sul palco, sono letteralmente anni che la società sta sperimentando il servizio. E reggetevi forte: al lancio Google Stadia supporterà giochi in streaming fino a 4K e 60 fps, e in futuro arriverà il supporto per giochi 8K fino a 120 fps! E la potenza grafica delle macchine su cui saranno installati i giochi a cui accederemo in streaming? Si tratta di hardware, denominato dalla stessa Google “Stadia GPU” dotato di maggiore potenza grafica di quella disposizione di una Xbox One X o di una PS4 Pro: 10,7 TFLOPS, contro i 6 di Xbox One X e i 4,2 di PS4 Pro. La GPU di Stadia GPU dispone di 56 unità computazionali e di memoria HBM2. La CPU è un processore custom x86 da 2,7 GHz accompagnato da 16 GB di RAM. Durante la presentazione sul palco è salito anche un responsabile di id Software. DOOM Eternal sarà tra i titoli di lancio di Stadia, e girerà a 60 fps in 4K. Il gioco sarà mostrato in azione ai presenti alla conferenza. Il gioco girerà su una singola Stadia GPU. Le performance dell’hardware firmato Google sembrano fenomenali, tanto da permettere la simulazione della modifica in tempo reale dei flussi di fluidi (immaginate due combattenti che si sfidano sotto una cascata spostando le acque) e tanto altro senza subire rallentamenti. Si parla addirittura di Battle Royale con migliaia di giocatori. Gli sviluppatori avranno anche la possibilità di abilitare il cross-play per i loro titoli, in modo da permettere agli utenti di Google Stadia di sfidare giocatori di ogni piattaforma gaming esistente. E il cross-play ci porta diretti al multiplayer: saranno ovviamente disponibili giochi online. E per quanto riguarda i partner a bordo del progetto? Un bel po’, a sufficienza da convincere praticamente qualsiasi sviluppatore di videogiochi, idem dicasi per i motori grafici e fisici: Unity, Havok, Unreal Engine, CryEngine, Enlighten. IN CONTINUO AGGIORNAMENTO L'articolo Il futuro del gaming di Google si chiama Stadia: i videogiochi accessibili ovunque da chiunque sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  9. Samsung si è unita alla corsa ai dispositivi pieghevoli presentando il suo Galaxy Fold ma lasciandolo in una teca di vetro allo scorso Mobile World Congress. Oggi vi mostriamo un video più realistico dei render e delle immagini viste finora del dispositivo di Samsung. Il video potete osservarlo nella galleria in basso e proviene da un utente vietnamita che, presumibilmente, è riuscito ad entrare in possesso del dispositivo: il video ci mostra Galaxy Fold in funzione, sia in configurazione aperta che chiusa. L’apertura e chiusura del device è caratterizzata da uno schiocco che conferma la solidità della cerniera. In molti istanti della ripresa riusciamo a scorgere chiaramente la piegatura del display, esattamente nella sua parte centrale. LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S10+, la recensione Maggiori dettagli li otterremo una volta che Galaxy Fold verrà commercializzato ufficialmente da Samsung. Vi aggiorneremo appena ne sapremo di più su questo aspetto. L'articolo In questo video potete vedere Galaxy Fold in ogni suo dettaglio, il display si piega e si vede (video) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  10. Gearbest compie 5 anni e intende festeggiare il traguardo in grande, proponendo moltissime offerte sul suo store italiano valide fino al prossimo 21 marzo. Le promozioni investono tantissimi prodotti venduti sullo store online e propongono diversi coupon all’insegna del numero 5. La pagina principale che raccoglie tutte le offerte la potete trovare a questo indirizzo, mentre a questo indirizzo troverete tutte le offerte a tempo che coinvolgono anche coupon sconto per i futuri acquisti, di importo proporzionale a quello speso: le offerte in questa categoria coinvolgeranno 10 pezzi per prodotto a partire dalle ore 9, fino al 21 marzo. Una panoramica dei coupon più ambiti divisi per brand potete averla consultando questa pagina. LEGGI ANCHE: Pocophone F1, la recensione Gearbest ha previsto anche una pagina dedicata alle offerte dei prodotti più venduti, consultabile a questo indirizzo. Per gli articoli in offerta in preordine potete fare riferimento a questo indirizzo, mentre a questa pagina troverete delle offerte molto vantaggiose per le quali occorrerà essere velocissimi: Pocophone F1 a 49,44€ (solo 5 pezzi disponibili). Lenovo A5 a 49,44€ (solo 5 pezzi disponibili). Xiaomi Redmi 6A a 49,44€ (solo 5 pezzi disponibili). Per coloro che ambiscono ai dispositivi indossabili, la pagina di riferimento è questa: tra le offerte troviamo anche Xiaomi Mi Band 3 a 5€ (solo 30 pezzi disponibili). Di seguito vi riportiamo le altre pagine di offerte: Computer e dispositivi per l’ufficio Offerte smart per la casa 50% di sconto acquistando due articoli Articoli in offerta che arrivano in 5 giorni lavorativi L'articolo Gearbest festeggia il suo 5° compleanno con tante offerte: Pocophone F1 a 49€, Mi Band a 5€ e tanto altro sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  11. Juho Sarvikas porta buone notizie per tutti i possessori di Nokia 5.1: anche per voi è finalmente in arrivo l’aggiornamento ad Android 9.0 Pie! Il CPO di HMD Global lo ha annunciato ufficialmente su Twitter, dunque nei prossimi giorni preparatevi a ricevere una bella sorpresa. A distanza di quasi tre mesi dalla disponibilità sul modello Plus, la nuova versione software è ora in rollout anche su Nokia 5.1 e si porta dietro tutte le novità dell’ultima versione stabile del sistema Google, già arrivata su altri medio gamma Nokia. LEGGI ANCHE: Recensione Nokia 5.1 Come sempre, la disponibilità dell’aggiornamento sarà allargata sempre di più nel corso delle prossime settimane, dunque potrebbero essere necessari diversi giorni prima dell’arrivo sul vostro dispositivo. Se avete un Nokia 5.1, potete controllare manualmente la disponibilità del nuovo aggiornamento a base Pie nell’apposita sezione delle impostazioni. A timeless classic has been redefined! Nokia 5.1 now runs the latest Android 9, Pie. Nokia smartphones just keep getting better! #GetSmart pic.twitter.com/OrAAgapOTV — Juho Sarvikas (@sarvikas) March 19, 2019 L'articolo Nokia 5.1 si unisce alla compagnia: anche per lui è pronto l’aggiornamento ad Android 9.0 Pie sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  12. Instagram aggiunge oggi un altro tassello molto importante per l’esperienza utente, diventando un vero e proprio negozio virtuale. Grazie alla nuova funzione Checkout il social permette ora di effettuare acquisti in maniera diretta, senza lasciare la piattaforma e senza utilizzare altri siti esterni. Vedi, compri e ricevi il prodotto direttamente a casa. All’interno di Instagram esistono da tempo funzionalità dedicate allo shopping, ma in questo caso l’integrazione è diretta e funziona in maniera rapida ed intuitiva. Alcuni brand selezionati possono pubblicare immagini con tag di prodotti, che mostrano chiaramente il nome e il prezzo dell’oggetto. Su questo tipo di contenuti l’utente può selezionare il prodotto a cui è interessato – ad esempio una maglietta – ed entrare in una schermata dedicata, nella quale è possibile scegliere colore, taglia e altre caratteristiche del prodotto. A questo punto non rimane altro che premere sul pulsante “Checkout on Instagram” ed effettuare il pagamento. La prima volta che si utilizza la funzione è necessario inserire tutti i propri dati personali, compresi indirizzo di spedizione e metodo di pagamento. Per le ordinazioni successive tali informazioni saranno utilizzate in automatico, rendendo ancora più veloce l’acquisto. Dopo aver effettuato l’ordine, l’utente riceverà notifiche sulla spedizione direttamente dall’app, rimanendo sempre informato sul tracciamento del pacco. LEGGI ANCHE: Instagram vuole proprio che guardiate IGTV Al momento la funzione Checkout è ancora in versione closed beta ed è disponibile solo negli Stati Uniti. Inoltre, per ora ci sono solo pochi brand selezionati che possono sfruttare questa novità, quasi tutti appartenti al mondo della moda o della cosmetica, per la precisione quelli riportati nel seguente elenco: Adidas @adidaswomen Anastasia Beverly Hills @anastasiabeverlyhills Balmain @balmain Burberry @burberry ColourPop @colourpopcosmetics Dior @dior H&M @hm Huda Beauty @hudabeautyshop KKW @kkwbeauty Kylie Cosmetics @kyliecosmetics MAC Cosmetics @maccosmetics Michael Kors @michaelkors NARS @narsissist Nike @niketraining & @nikewomen NYX Cosmetics @nyxcosmetics Oscar de la Renta @oscardelarenta Ouai Hair @theouai Outdoor Voices @outdoorvoices Prada @prada Revolve @revolve Uniqlo @uniqlo Warby Parker @warbyparker Zara @zara Lo shopping diretto da Instagram è sicuramente una killer feature per il social e potrebbe determinare una vera e propria rivoluzione all’interno della piattaforma. Molto probabilmente nei prossimi mesi la novità arriverà anche in Europa e verrà allargata a tanti altri brand, per la felicità di tutti i compratori compulsivi. https://instagram-press.com/wp-content/uploads/2019/03/Checkout_Story.mp4 L'articolo Instagram è ora un vero e proprio negozio virtuale: vedi, compri, ricevi (solo USA) (video) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  13. Qualche mese fa vi abbiamo parlato della nuova modalità di backup concepita da Google Foto, denominata Express e pensata per quella categoria di utenti che non dispone di buone risorse di rete per effettuare il backup delle proprie foto. La modalità Express è stata annunciata inizialmente per il mercato indiano, dove un terzo degli utenti totali non effettua il backup delle proprie foto prima di un mese dalla data di scatto. Ora questa nuova feature di Google Foto è in fase di espansione a tutti gli utenti indiani e ad altri mercati nel mondo: crediamo che difficilmente arriverà in Europa, verrà riservata alle zone in cui le risorse di rete sono più limitate. LEGGI ANCHE: Sony Xperia 10 Plus, la recensione Inoltre come potete vedere dall’immagine in galleria, Google sta rilasciando anche una nuova opzione per limitare l’utilizzo dati giornaliero speso nel backup delle immagini con Foto: è possibile di impostare soglie ben precise di traffico dati, superate le quali verrà interrotto il backup. 1 vai alla fotogallery L'articolo Google Foto si fa amici gli utenti con traffico dati limitato: si diffonde la modalità Express backup, non da noi (foto) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  14. Huawei P30 Pro è stato avvistato in due video diffusi da pochissimo in rete. O almeno, il dispositivo che potete vedere nei video a fine articolo ha tutta l’aria di essere proprio il top gamma di Huawei, visto che le linee del suo design somigliano molto a quelle trapelate nei precedenti rumor. In entrambi i filmati è possibile vedere all’opera il sensore impronte sotto al display, il quale appare molto rapido e preciso. Ciò potrebbe stare ad indicare l’uso di una nuova tecnologia per questo componente, forse simile al sensore ultrasonico utilizzato sui Galaxy S10, ma per adesso non abbiamo conferma di questo. Il secondo video è stato fornito dal sito greco Techblog e dovrebbe essere trapelato da una fabbrica di pellicole proteggi schermo: l’addetto visibile nel filmato starebbe testando le pellicole su un presunto P30 Pro, verificando il corretto funzionamento del sensore impronte. LEGGI ANCHE: Ecco i presunti prezzi della gamma Huawei P30 L’immagine a fine articolo dovrebbe essere, invece, una foto reale di Huawei P30 standard. Si riconoscono le cornici leggermente più spesse rispetto alla variante Pro, così come il notch più visibile sulla parte alta. In ogni caso, l’attesa per la presentazione ufficiale dei nuovi top gamma Huawei sta per finire: entrambi saranno lanciati il prossimo 26 marzo a Parigi, come indicato dalla diretta streaming già fissata dall’azienda cinese. Huawei P30 Pro – Video https://techblog.gr/wp-content/uploads/2019/03/video-1552981611.mp4 Huawei P30 – Foto reale presunta 1 vai alla fotogallery L'articolo Huawei P30 Pro spunta in video e dimostra la velocità del sensore impronte sotto al display (video) sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
  15. Nonostante sia ormai entrato nella quotidianità di tutti, Iliad è arrivato in Italia meno di un anno fa: era il 29 maggio 2018 il giorno in cui il nuovo operatore ha debuttato nel nostro paese. E non si può dire che sia stato accolto male: in sette mesi (da giugno a dicembre 2018), Iliad ha racimolato ben 2,8 milioni di clienti. Lo svela un comunicato stampa diffuso dal Gruppo Iliad, che cita diversi numeri relativi ai vari operatori controllati dalla società francese: secondo quanto riferito, i numeri del debutto in Italia rappresentano il miglior lancio di un operatore europeo degli ultimi anni, seguendo l’entrata di Free Mobile in Francia nel 2012. LEGGI ANCHE: L’arrivo di Iliad ha portato grandi vantaggi per gli italiani, anche per chi non è suo cliente Attualmente il marchio italiano si trova in una fase di investimenti e ha chiuso l’anno in rosso, con una perdita operativa di 52 milioni di euro e incassi di 125 milioni. Ma il tutto è piuttosto fisiologico: durante il 2018 Iliad ha investito 261 milioni di euro in infrastrutture e 342 milioni per l’acquisto delle frequenze 5G. L'articolo Gli italiani amano Iliad: 2,8 milioni di clienti in soli sette mesi sembra essere il primo su AndroidWorld. Visualizza l'articolo completo
×
×
  • Crea Nuovo...